Dolore e qualità del sonno migliorati con la cannabis nei malati di cancro

L’uso di cannabis tra i pazienti con cancro ha contribuito ad alleviare il dolore e migliorare la qualità del sonno e la funzione cognitiva soggettiva, come suggeriscono i risultati di un piccolo studio osservazionale pubblicato sulla rivista Exploration of Medicine.

Per un periodo di 2 settimane i pazienti hanno riportato miglioramenti significativi della qualità del sonno rispetto al basale e una minore intensità del dolore, in particolare tra quanti hanno fatto un maggior uso di cannabidiolo (CBD). Anche se l’uso di cannabis ha avuto un’influenza minima su ansia o depressione, i pazienti hanno riferito di essere in grado di pensare in modo più chiaro.

«Pensavamo di rilevare alcuni problemi legati alla funzione cognitiva» ha affermato l’autore senior Angela Bryan, professore di psicologia e neuroscienze all’Università del Colorado, Boulder, e sopravvissuta al cancro. «Ma abbiamo scoperto che la capacità cognitiva dei pazienti migliorava quando i livelli di dolore diminuivano dopo aver usato la cannabis per un po’».

È stato obiettato che lo studio coinvolgeva solo 25 partecipanti e, come sottolineato dal primo autore Greg Giordano, «inizialmente è stato interrotto dal Covid e le ricerche future dovrebbero includere campioni più ampi e diversificati, oltre a raccogliere dati su tempi più lunghi per poter osservare i cambiamenti a seguito di un uso prolungato».

Consumo di cannabis aumentato per le cure palliative
Il consumo di cannabis è aumentato rapidamente negli ultimi anni ed è diventato un’opzione popolare nelle cure palliative. Il cancro è un’indicazione per l’uso di cannabis medica nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti con programmi completi di cannabis medica.

Sondaggi negli Stati Uniti, in Israele e in Canada hanno suggerito che fino al 40% delle persone affette da cancro potrebbero esserne consumatori. Un recente sondaggio condotto su pazienti statunitensi con cancro al seno, ad esempio, ha rilevato che il 42% utilizzava cannabis, principalmente per alleviare gli effetti collaterali associati al trattamento, come dolore, ansia, nausea e insonnia.

Valutazione dei benefici della cannabis su malati di cancro
Lo studio attuale ha valutato in che modo la cannabis acquistata legalmente nei dispensari in Colorado ha influenzato i sintomi del cancro e gli effetti collaterali della chemioterapia. Il team ha condotto uno studio osservazionale con 25 pazienti a cui era stato diagnosticato un qualsiasi tipo di tumore solido e che erano sottoposti a un trattamento curativo o palliativo.

I partecipanti hanno completato un appuntamento di base, un periodo di consumo di cannabis ad libitum di due settimane e un appuntamento di somministrazione acuta che includeva valutazioni prima dell’uso di cannabis, un’ora dopo l’uso e due ore dopo l’uso.

Nel corso di due settimane hanno consumato un prodotto commestibile a base di cannabis di loro scelta da un dispensario e lo hanno usato tutte le volte che era necessario o che lo desideravano, senza restrizioni su dosaggio o frequenza. Hanno completato questionari di autovalutazione sul dolore medio su una scala da 0 (nessun dolore) a 10 (il peggior dolore immaginabile) e sulla qualità del sonno tramite una scala da 0 (molto buono) a 3 (molto cattivo). È stata anche misurata la funzione cognitiva oggettiva tramite il test Stroop.

Miglioramenti su dolore e qualità del sonno
Con l’uso prolungato, la qualità del sonno è migliorata dal basale all’appuntamento per la somministrazione acuta (media basale 1,2, media dell’uso prima della somministrazione acuta 0,87, P = 0,02).

Anche l’intensità del dolore è migliorata dal basale all’appuntamento per la somministrazione acuta (media basale 3,08, media dell’uso prima della somministrazione acuta 2,48, P = 0,02). I partecipanti che hanno riferito un uso più elevato di CBD hanno mostrato riduzioni più marcate dell’intensità del dolore.

Durante il controllo del tetraidrocannabinolo totale (THC) e del CBD ingeriti, gli autori hanno osservato un effetto significativo del tempo sull’interferenza del dolore (media basale 53,43, media dell’uso prima della somministrazione acuta 50,15, P=0,01).

L’effetto del consumo di cannabis su ansia e depressione è stato marginale, senza interazioni significative tra il livello di cannabinoidi e l’ansia o la depressione e nessun cambiamento generale nella qualità generale della vita. L’uso prolungato di cannabis è stato tuttavia associato a miglioramenti nella funzione cognitiva soggettiva e nei tempi di reazione misurati dal test Stroop.

A differenza di quanto emerso in ricerche precedenti, lo studio ha rilevato che l’uso elevato di CBD tra i pazienti, ma non la componente psicoattiva THC, era associato a maggiori miglioramenti nell’intensità del dolore e nella qualità del sonno.

Buone potenzialità, ma servono più studi
«Una scoperta in contrasto con altri studi che non hanno rilevato benefici con il CBD» ha commentato Donald Abrams, professore di medicina alla University of California a San Francisco e oncologo integrativo presso lo UCSF Osher Center for Integrative Medicine. «Un recente studio randomizzato, che ha valutato 144 pazienti con cancro avanzato ha confrontato l’olio di CBD con il placebo, non ha riscontrato alcun miglioramento dei sintomi rispetto alle sole cure palliative».

Oltre all’esiguo numero di partecipanti, secondo Abrams un’altra limitazione era la possibilità per i pazienti di usare qualsiasi tipo e quantità di cannabis commestibile desiderassero. Nonostante questo ha fatto presente che la cannabis è stata usata per migliaia di anni e che, dopo aver ampiamente studiato gli effetti sulla salute della cannabis terapeutica «ho visto innumerevoli pazienti trarre beneficio dal suo uso, principalmente per alleviare i sintomi».

Al momento è disponibile pochissima letteratura sui benefici terapeutici della cannabis per via del suo status di farmaco inserito nella Tabella 1 ai sensi del Federal Controlled Substances Act.

«Dato che molti oncologi non si sentono sufficientemente informati per fornire raccomandazioni ai loro pazienti sull’uso di cannabis, i malati possono prendere queste decisioni da soli» ha detto Giordano. «Abbiamo bisogno di più dati sui potenziali benefici e danni del consumo di cannabis per informare meglio le decisioni dei pazienti e dei medici».

Referenze

Giordano G et al. Cannabis use in cancer patients: acute and sustained associations with pain, cognition, and quality of life. Explor Med. 2023;4:254–271

Author Info

MM

No Comments

Comments are closed.